Le Pietre del Drago | SP256 Muccese al Km 29700 62024 Matelica MC | +39 0732 958139 | +39 335 6227046 info@lepietredeldrago.it

Ascoli Piceno

Capoluogo di Provincia della regione Marche. È a 25km dall’Adriatico e a ridosso dei verdi Monti Sibillini e dei Monti della Laga. È la città più bella delle Marche e tra le più belle d’Italia. È stato detto che visitarla è come leggere un libro le cui pagine sono di travertino bianco e con patina dorata.
È stata fondata dai Piceni nell’età del ferro (VIII sec. a.C.). Nel 268 a.C. si allea con Roma partecipando alla battaglia di Canne. Nell’88 a.C. divenne municipio romano.
Nel 1185 divenne libero comune. Fu poi assoggettata da Federico II ma alla morte di Manfredi torna dominio della Chiesa. Ebbe anche diverse ma brevi signorie per passare poi definitivamente allo Stato Pontificio fino all’annessione al Regno d’Italia.

Da visitare:
– Piazza Arringo: è la più importante. Occupa uno spazio rettangolare che corrisponde all’area del foro romano. Il suo nome deriva dalle arringhe dei pubblici oratori durante le adunanze popolari. È circondata da edifici monumentali quali il Palazzo Comunale, il Duomo, il Palazzo Vescovile, il Battistero.
– Pincaoteca Comunale: salone della vittoria dedicato all’arte del Cinquecento con opere di Cola dell’Amatrice. Il Pliviale di Scianito, opera preziosa di arte inglese con 19 scene con i primi 6 Papi martiri.
– Opere di Alemanno, Crivelli, Tiziano, Maratta, Panini, Salvi detto il Sassoferrato, Magnasco, Luca Giordano,Tiepolo, Crespi, Guido Reni, Fragonard e tanti altri.
– Palazzo Vescovile: museo diocesano con preziosa raccolta di arte sacra. Opere di Crivelli, Alemanno e Cola dell’ Amatrice.
– Duomo: sorge sui resti della basilica romana del foro. La primitiva costruzione risale al V sec. susseguono varie aggiunte negli anni 1065, 1481 e 1565. Nella Cappella del sacramento in una cornice gotica risplende il grande e celebre Polittico di Carlo Crivelli, sua opera più importante. Il campanile del 1592 si innalza su basi dell’XI sec.
– Battistero: è la trasformazione in battistero del sec. V del tempio pagano del foro.
– Palazzo Panichi: sede del museo archeologico. Notevoli le rarissime iscrizione in lingua e alfabeto piceno. Notevole anche una interessante raccolta di 5000 ghiande missili, trovate nella zona; alcune recano scritte ingiuriose contro i romani a testimonianza di feroci lotte. Un busto di Traiano e diversi mosaici romani.

Da visitare inoltre
– Piazza del popolo
– Palazzo dei Capitani del Popolo
– San Francesco
– Via di Solestà con maestoso ponte romano dei primi decenni dell’impero.
– Via Soderini con la torre gentilizia Ercolani eretta nell’ XI sec.
– Palazzo longobardo
– Porta Gemina del I sec. a.C.
– Chiese romaniche di Santa Maria delle donne e di S. Croce
– Teatro Romano degli ultimi anni della Repubblica
– Chiese di S. Tommaso, S. Agostino, S. Venanzo, Santa Maria della Carità, S. Angelo Magno, S. Gregorio, S. Vittorio.
– Fortezza edificata sul luogo fortificato di epoca piceno-sabina

I.A.T. Ascoli tel. 0736.253045

www.comuneap.gov.it